ORGANIZZAZIONE A TUTELA VALORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO ALL'ESTERO DEL VERO PRODOTTO ITALIANO
Caricamento...
Loading

Notizia del 01/10/2018

È successo questa mattina in Sicilia, nel Porto di Pozzallo. Arrivata la nave carica, sono state respinte 5 mila tonnellate di grano. Prima i controlli dei tecnici, poi la respinta. Le condizioni della semente non sono piaciute, la nave torna indietro. Ma cosa è successo di preciso?

È arrivata stamattina nel Porto di Pozzallo, Sicilia, una nave carica di 5 mila tonnellate di grano duro, proveniente dal KazakistanL’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, ha disposto i controlli immediati.

Sul posto sono accorsi gli uomini dei Carabinieri Forestali, la Sanità Marittima e gli ispettori fitosanitari. Quando i tecnici sono arrivati sul posto, hanno effettuato subito delle analisi sulla semente. Una volta, però, fatte tutte le verifiche opportune hanno dichiarato l’inadeguatezza. “Le condizioni del grano contenuto nella stiva della nave non rispettano le norme di qualità e sicurezza italiane, per tale motivo non può essere scaricato”.

La merce, infatti, è risultata non idonea per l’alimentazione umana, a causa di vistose ed estese chiazze di muffa e umido.

Con questo intervento, la Sicilia ha alzato la voce! Verrebbe quasi da dire “Finalmente!”. L’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, non ha voluto fare sconti e ha voluto proteggere il nostro patrimonio nazionale di grano duro.

Non è la prima volta, comunque, che il grano proveniente dall’estero viene respinto dopo dei controlli tecnici. Uno dei primi a far eseguire dei controlli in loco fu il passato dirigente generale del dipartimento di Agricoltura, Cosimo Gioia. Dopo i controlli, però, Gioia perse il posto.

I militari della Forestale   hanno prelevato dei campioni già spediti all’Istituto Zooprofilattico di Palermo, per delle analisi più approfondite. Intanto, la nave proveniente dal Kazakistan torna a casa.

La dichiarazione del Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci: “Tolleranza zero con chi pensa di continuare a introdurre in Sicilia merce non in regola con le norme sanitarie, specie se si tratta di prodotti destinati all’alimentazione. Con l’assessore Bandiera abbiamo intensificato i controlli e ringrazio le guardie forestali regionali e gli ispettori fitosanitari per l’impegno profuso”.



>> Print  >> Email  
>> OSSERVATORIO MADE IN 

Certifica il tuo prodotto

Per ottenere la certificazione, o conoscere i metodi che garantiscono la qualità del vostro prodotto con il marchio di controllo " 100% Made in Italy ", potete contattare L'Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani - ITPI
Contatti >

Visita il sito
di certificazione

Per verificare la certificazione di un'azienda, o conoscere i metodi di controllo del vostro prodotto "100% Made in Italy ", potete visitare MADEINITALYCERT.IT
Vai >


Info

Italian Manufacturers

LUCA PAGNI presents his Asymmetric Eyewear Collection at MIDO 2015.

Luca Pagni, Venetian eyewear brand, named after his young and eclectic designer, arrives at MIDO 2015. It offers a timeless classy collection, certifi...
Read >

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.Underlying you can take a loo...
Read >

Kilesa Italia Bags Collection

Kilesa project brings to market an innovative product, capable of expressing an important content of DESIGN, precious and valuable for its manufacture...
Read >

SERGIO LEVANTESI NEW COLLECTION SPRING SUMMER 2015

GKS srl is a company established since 1988 in Marche region, the Italian area worldwide renowned for the high quality of shoe crafting.Gabriele Levan...
Read >
Logo Made in Italy
Numero Verde Promindustria 800.91.17.62

Link e
Siti collegati