ORGANIZZAZIONE A TUTELA VALORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO ALL'ESTERO DEL VERO PRODOTTO ITALIANO
Loading

Notizia del 05/06/2015

Gli occhi del mondo sono puntati sull’Esposizione Universale di Milano, che ha scelto il tema dell’alimentazione e della nutrizione. Ma quale ruolo giocano oggi le contromisure adottate in Russia contro i prodotti agroalimentari italiani?

Di solito la guerra e le sue conseguenze uccidono il commercio 'buono' e fanno proliferare quello 'cattivo'. ╚ il caso, in particolare, delle aziende italiane che esportano in Russia prodotti agroalimentari. Fra il 2014 e il 2015, al di lÓ della copertura mediatica giustamente dedicata alla vicenda ucraina, poca attenzione Ŕ stata rivolta alle conseguenze delle misure restrittive introdotte dalla Federazione Russa a partire dal 6 agosto scorso, che per i produttori italiani hanno comportato la perdita di 100 milioni di euro nei soli primi cinque mesi.

I pi¨ colpiti sono stati i settori della frutta fresca (con un calo delle esportazioni del 40,6%, pari a 24,4 milioni), i prodotti lattiero caseari, i formaggi, la carne e i suoi derivati. A questi si aggiungono gli effetti indiretti dovuti all'eccesso di offerta che si Ŕ venuta a determinare sui mercati europei a causa del mancato sbocco in Russia, con ricadute negative sui prezzi riconosciuti agli agricoltori. Il danno maggiore, tuttavia, che nasce dai nostri punti di forza come la distintivitÓ e il grande richiamo del Made in Italy Ŕ che lo stop alle importazioni dall'Italia ha provocato nella Federazione un vero boom nella produzione locale di prodotti Made in Italy taroccati, dal salame Italia alla mozzarella Casa Italia, dall'insalata Buona Italia alla robiola Unagrande, dalla mortadella Milano al Parmesan.

A potenziare la produzione dei falsi sono stati anche molti paesi esclusi dall'embargo come la svizzera, la Bielorussia, oltre che l'Argentina e il Brasile, che hanno aumentato le produzioni e le esportazioni dei cibi italiani taroccati. Infine c’Ŕ da considerare la ristorazione italiana in Russia che, dopo una forte crescita, Ŕ ora frenata per la mancanza degli ingredienti principali.

In alcuni casi i piatti sono spariti dai menu, mentre in altri sono stati sostituiti da tarocchi, senza che in molti casi vi sia una chiara indicazione nei menu. Tutto ci˛ per dire che la muscolaritÓ in politica estera fa male a tanti e inevitabilmente tocca il cibo, fattore strategico specie nei periodi di recessione economica.

L'autore Ŕ presidente di Coldiretti

[fonte: rbth.com]



>> Print  >> Email  
>> OSSERVATORIO MADE IN 

Certifica il tuo prodotto

Per ottenere la certificazione, o conoscere i metodi che garantiscono la qualità del vostro prodotto con il marchio di controllo " 100% Made in Italy ", potete contattare L'Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani - ITPI
Contatti >

Visita il sito
di certificazione

Per verificare la certificazione di un'azienda, o conoscere i metodi di controllo del vostro prodotto "100% Made in Italy ", potete visitare MADEINITALYCERT.IT
Vai >


Info

Italian Manufacturers

LUCA PAGNI presents his Asymmetric Eyewear Collection at MIDO 2015.

Luca Pagni, Venetian eyewear brand, named after his young and eclectic designer, arrives at MIDO 2015. It offers a timeless classy collection, certifi...
Read >

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.Underlying you can take a loo...
Read >

Kilesa Italia Bags Collection

Kilesa project brings to market an innovative product, capable of expressing an important content of DESIGN, precious and valuable for its manufacture...
Read >

SERGIO LEVANTESI NEW COLLECTION SPRING SUMMER 2015

GKS srl is a company established since 1988 in Marche region, the Italian area worldwide renowned for the high quality of shoe crafting.Gabriele Levan...
Read >
Logo Made in Italy
Numero Verde Promindustria 800.91.17.62

Link e
Siti collegati