ORGANIZZAZIONE A TUTELA VALORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO ALL'ESTERO DEL VERO PRODOTTO ITALIANO
Caricamento...
Loading

Notizia del 21/11/2018

Cade per i vini generici l’obbligo di indicare in etichetta il Paese d’origine delle uve. La minaccia arriva dalla modifica del Regolamento 607/2009 proposta dalla Commissione UE, in attesa di adozione da parte di Consiglio e Parlamento europeo. In Italia il vino gode da sempre di una normativa sull’etichettatura particolarmente restrittiva, ma a livello comunitario, sin dall’emanazione del suddetto Regolamento, esiste una deroga per gli spumanti generici - cioè non a denominazione DOC o IGT - che consente di indicare come Paese di origine non quello di produzione dell’uva, ma quello in cui il vino è stato spumantizzato. La modifica del Regolamento estende ora tale possibilità ai vini varietali - ossia ottenuti da varietà internazionali coltivate in Italia, come Chardonnay, Merlot, Cabernet, Sauvignon o Shiraz - per i quali si potrà indicare in etichetta il Paese di vinificazione, ma non quello da cui provengono le uve. Sarà, dunque, possibile spacciare per italiano il vino prodotto con uve estere, utilizzando simboli che richiamano il Made in Italy, pur senza alcun legame con i nostri vigneti.
 
È un grave passo indietro per un settore che ha fatto da apripista alle politiche sull’origine, un tentativo inaccettabile di ingannare i cittadini e spalancare la strada, anche nel settore enologico, al falso Made in Italy - denuncia il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo, Roberto Moncalvo -. Coldiretti si opporrà con ogni forza all’adozione del nuovo Regolamento a tutela di produttori e consumatori”.
 
Come difendersi, intanto? Scegliendo fra i tanti vini a denominazione d’origine dei nostri viticoltori. “In provincia di Cuneo - rimarca Coldiretti - il 95% dei vigneti è iscritto ad una denominazione d’origine. Il nostro territorio vanta 18 DOC e DOCG che ricomprendono quasi 100 tipologie di vini prodotti, per i quali la certezza sulla provenienza è assicurata. Un ampio ventaglio di possibilità per i consumatori che, preferendo questi prodotti, potranno difendersi dai ‘falsari’ del vino”.

Fonte> CuneoDice.it


>> Print  >> Email  
>> OSSERVATORIO MADE IN 

Certifica il tuo prodotto

Per ottenere la certificazione, o conoscere i metodi che garantiscono la qualità del vostro prodotto con il marchio di controllo " 100% Made in Italy ", potete contattare L'Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani - ITPI
Contatti >

Visita il sito
di certificazione

Per verificare la certificazione di un'azienda, o conoscere i metodi di controllo del vostro prodotto "100% Made in Italy ", potete visitare MADEINITALYCERT.IT
Vai >


Info

Italian Manufacturers

LUCA PAGNI presents his Asymmetric Eyewear Collection at MIDO 2015.

Luca Pagni, Venetian eyewear brand, named after his young and eclectic designer, arrives at MIDO 2015. It offers a timeless classy collection, certifi...
Read >

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.Underlying you can take a loo...
Read >

Kilesa Italia Bags Collection

Kilesa project brings to market an innovative product, capable of expressing an important content of DESIGN, precious and valuable for its manufacture...
Read >

SERGIO LEVANTESI NEW COLLECTION SPRING SUMMER 2015

GKS srl is a company established since 1988 in Marche region, the Italian area worldwide renowned for the high quality of shoe crafting.Gabriele Levan...
Read >
Logo Made in Italy
Numero Verde Promindustria 800.91.17.62

Link e
Siti collegati