ORGANIZZAZIONE A TUTELA VALORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO ALL'ESTERO DEL VERO PRODOTTO ITALIANO
Caricamento...
Loading

Notizia del 23/08/2018

L'associazione Terra! Onlus e la Flai-Cgil lanciano l'allarme sulla speculazione nel mondo agricolo, oltre 400 mila i lavoratori sfruttati

Dopo la strage di Foggia il mondo dell'agricoltura italiana si ribella allo sfruttamento dei lavoratori e al sistema delle aste on line al doppio ribasso, speculazione per abbassare il costo dei prodotti agricoli. Un allarme che riguarda oltre 400 mila lavoratori, sfruttati dalle pratiche commerciali sleali che fanno il gioco delle grandi aziende di distribuzione.

Abbassare i costi di produzione per diminuire quelli di vendita, una pratica che fomenta l'uso di pesticidi e prodotti chimici. ''Occorre spezzare la catena dello sfruttamento che si alimenta dalle distorsioni lungo la filiera, dalla distribuzione all'industria fino alle campagne dove i prodotti agricoli pagati sottocosto pochi centesimi spingono le imprese oneste a chiudere e a lasciare spazio all'illegalità" ha dichiarato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

Sull'argomento si è pronunciato anche Massimo Forino, direttore di Assolatte “Questo sistema di vendita stressa tutti gli anelli dell’agroalimentare e va ben oltre la normale e sana concorrenza. La mancanza di trasparenza e la logica con cui vengono organizzate queste aste serve a scatenare una guerra dei prezzi al ribasso che si ripercuote su tutti: dal produttore al lavoratore e danneggia anche il consumatore, attratto dallo specchietto delle allodole di un prezzo che non rende giustizia agli sforzi e all’impegno di chi fa della qualità e della sicurezza alimentare il proprio codice di condotta.

Aste on line al doppio ribasso: come funzionano
Le grandi aziende di distribuzione chiedono agli agricoltori un'offerta di vendita per i prodotti agricoli dopodichè, raccolte le proposte, viene indetta una seconda gara che usa come base di partenza l'offerta più bassa. Tra le aziende agricole si scatena così una gara per abbassare i costi di produzione, direzione che incide sulla qualità dei prodotti aumentando lo sfruttamento dei lavoratori.

L'asta di Eurospin
L'associazione Terra! Onlus e la Flai-Cgil hanno fornito un esempio pratico di asta al doppio ribasso. Eurospin, rete di distribuzione con oltre 1000 punti vendita in Italia, ha effettuato un'asta al doppio ribasso per una grande partita di bottiglie di pomodoro. A vincere è stato un gruppo che ha offerto un prezzo di 31,5 centesimi per ogni bottiglia di passata. Altre tre aziende hanno vinto un'altra commessa, riguardante bottiglie di pelati vendute a 21,5 centesimi l'una. Eurospin si è difesa spiegando che "bisogna fare gli interessi del consumatore".

Gli schiavi dell'agricoltura
Il mercato dell'agricoltura in Italia ha numeri da brivido, storie di caporalato che riguardano oltre 400 mila lavoratori. Secondo il rapporto "Agromafie e Caporalato" sono centinaia di migliaia i braccianti che subiscono forme di ricatto lavorativo e lavorano in condizioni drammatiche. Si parla di turni da 8-12 ore al giorno per una paga media di circa 3 euro l'ora. Alla paga vanno detratte le tasse imposte dai caporali: si va dai 5 euro per il trasporto sul posto di lavoro, ai 3,5 euro per ogni panino e agli 1,5 euro per ogni bottiglia d'acqua consumata. Un fenomeno di sfuttamento che costa caro all'erario: 420 milioni di euro l'anno in evasioni contributive.

L'esempio della Francia
Oltralpe le aste al doppio ribasso sono vietate per legge mentre nel nostro paese esiste solo un codice di autoregolamentazione che è stato sottoscritto da diverse grandi aziende, ma non da tutte.

Come reagire
Per contrastare il caporalato e le aste al ribasso stanno aumentando in tutta Italia le iniziative di giovani agricoltori che producono pomodori e vendono direttamente ai consumatori. Prodotti di qualità venduti a prezzi onesti (si va dai 70 centesimi ad 1 euro per bottiglia), esempio ideale di come lo sfruttamento degli agricoltori può essere combattuto con... l'agricoltura.

FONTE: Panorama



>> Print  >> Email  
>> OSSERVATORIO MADE IN 

Certifica il tuo prodotto

Per ottenere la certificazione, o conoscere i metodi che garantiscono la qualità del vostro prodotto con il marchio di controllo " 100% Made in Italy ", potete contattare L'Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani - ITPI
Contatti >

Visita il sito
di certificazione

Per verificare la certificazione di un'azienda, o conoscere i metodi di controllo del vostro prodotto "100% Made in Italy ", potete visitare MADEINITALYCERT.IT
Vai >


Info

Italian Manufacturers

LUCA PAGNI presents his Asymmetric Eyewear Collection at MIDO 2015.

Luca Pagni, Venetian eyewear brand, named after his young and eclectic designer, arrives at MIDO 2015. It offers a timeless classy collection, certifi...
Read >

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.

The Italian Manufacturers Insitute decided to Strengthen the Certification of Origin and Quality 100% Made in Italy IT01.Underlying you can take a loo...
Read >

Kilesa Italia Bags Collection

Kilesa project brings to market an innovative product, capable of expressing an important content of DESIGN, precious and valuable for its manufacture...
Read >

SERGIO LEVANTESI NEW COLLECTION SPRING SUMMER 2015

GKS srl is a company established since 1988 in Marche region, the Italian area worldwide renowned for the high quality of shoe crafting.Gabriele Levan...
Read >
Logo Made in Italy
Numero Verde Promindustria 800.91.17.62

Link e
Siti collegati